attività
FORMAZIONE
La scienza di tutti
Donne e scienza
La scienza bambina
Gruppi didattica
Per docenti
CREAT-IT
ALTERNANZA SCUOLA LAVORO
CaffèScienzaJunior
DESCI
COMUNICAZIONE
Caffè scienza
Eureka!2018
Eureka!2019
Eventi passati
Scienza3
Una via alle scienziate
TEATRO SCIENZA
Minuetto Astronomico
Il sogno di Keplero
Laboratori

<< precedente successivo >>

Stelle e particelle

Martedì 15 dicembre 2009, ore 20,30

Le prime domande che l'uomo si è posto sulla natura riguardavano l'universo e la struttura ultima della materia. Già i Greci creavano modelli cosmologici e cercavano un principio unificante sotto le molteplici apparenze delle cose. Oggi sappiamo che la conoscenza dell'evoluzione del cosmo e la conoscenza della fisica delle particelle elementari sono interconnesse, quindi alziamo il naso al cielo per capire la materia di cui siamo fatti e costruiamo esperimenti in tunnel sotterranei per spiegarci l'universo.
Il cosmo è uno spettacolare laboratorio "all'aria aperta", ma noi non possiamo decidere le specifiche sperimentali, dobbiamo accontentarci di guardare e misurare quello che ci viene offerto. Negli acceleratori di particelle, invece, siamo noi a dettare le condizioni, per questo, per capire la struttura della materia e l'evoluzione del cosmo, è necessaria la complementarietà tra l'osservazione del cielo e gli esperimenti che si svolgono nei grandi acceleratori. Negli esperimenti di oggi, cosa stiamo cercando di capire?
Ne parleremo con il fisico teorico Guido Altarelli e con l'astrofisico e cosmologo Paolo De Bernardis.

Presentazione del prof. Altarelli
Presentazione del prof. De Bernardis

Guido Altarelli

Guido Altarelli è professore di Fisica Teorica all'Università di Roma Tre. Negli anni 1987-2006 ha svolto la sua attività di ricerca presso la Divisione Teorica del CERN a Ginevra, della quale è stato Direttore nel 2000-04. In precedenza ha avuto vari incarichi in diverse Università italiane e straniere. È stato Direttore della Sezione di Roma "La Sapienza" dell'INFN. I suoi contributi di ricerca riguardano un ampio spettro di problemi nella fenomenologia delle interazioni delle particelle elementari, in stretta connessione con gli esperimenti. Al CERN ha svolto un ruolo guida nella preparazione e nell'interpretazione degli esperimenti ai grandi acceleratori (SppS, LEP, LHC) che si sono succeduti nel tempo.

Paolo De Bernardis

Paolo De Bernardis è professore di Astrofisica e Cosmologia alla Sapienza, Università di Roma. È stato l'ideatore della missione BOOMERanG che ottenne per la prima volta nel 2000 immagini ad alta risoluzione della radiazione cosmica di fondo. Per i risultati conseguiti in questa missione ha ricevuto i premi Ferltrinelli (2001), Balzan (2006) e Dan David (2009). Partecipa attivamente a progetti internazionali di punta, tra i quali l'esperimento da pallone OLIMPO dell'Agenzia Spaziale Italiana, ed il satellite Planck dell'Agenzia Spaziale Europea. Membro dell'Accademia dei Lincei, è uno degli editori della rivista internazionale Journal of Cosmology and Astroparticle Physics.




torna alla pagina dei caffè scienza