attività
FORMAZIONE
La scienza di tutti
Donne e scienza
La scienza bambina
Gruppi didattica
Per docenti
CREAT-IT
ALTERNANZA SCUOLA LAVORO
CaffèScienzaJunior
DESCI
COMUNICAZIONE
Caffè scienza
Eureka!2018
Eventi passati
Scienza3
Una via alle scienziate
TEATRO SCIENZA
Minuetto Astronomico
Il sogno di Keplero
Laboratori

<< precedente successivo >>

Psicologia culturale e intercultura

Martedì 27 novembre 2012, ore 20,30


Incontro trasmesso in diretta web sul canale YouTube di formaScienza


La psicologia culturale considera l'azione umana come "mediata" da artefatti che modellano la relazione delle persone con l'ambiente. A questa concezione della "cultura" si è affiancata recentemente la visione, complementare, delle "culture" come narrazioni "condivise, contestate e negoziate". La prospettiva interculturale vede le "culture" come spazi di scambio, di cambiamento e di contaminazione. Essa suppone il rispetto dell'"altro", che è incompatibile con la presunzione di superiorità morale nei confronti di altri mondi culturali (etnocentrismo). Per superare l'etnocentrismo occorre costruire una storia "globale" attenta alle ragioni dell'"altro" che ora manca nelle nostre scuole. La produzione delle narrazioni di "storia globale" favorirebbe lo sviluppo di una nuova coscienza di cittadinanza, di un "nuovo noi" che superi gli stereotipi correnti (autoctoni-immigrati; italiani-tedeschi ecc.). Ciò richiede un atteggiamento profondamente autocritico: "il passato è fruttuoso non quando serve a nutrire il risentimento ma quando il suo gusto amaro ci spinge a trasformarci" (Todorov, 1996).

Giuseppe Mantovani

Ha insegnato presso le Università di Milano e di Padova Psicologia Sociale, Psicologia Sociale e Intercultura. Ha fondato e diretto i laboratori di Realtà Virtuale e "Interaction & Culture" del Dipartimento di Psicologia Generale dell' Università di Padova, di cui è stato direttore. E' stato coordinatore nazionale di numerosi progetti di ricerca nazionali ed europei. Si occupa della riduzione dei pregiudizi nei confronti degli immigrati e di educazione interculturale. Ha pubblicato numerosi articoli su numerose riviste internazionali e nazionali e volumi sia in italiano che in inglese, tra cui "Intercultura" (2004, Il Mulino), "L'elefante invisibile" (2005 2 ed., Giunti) e "Spezzando ogni cuore. Dal Messico di Cortez alla Roma dell'Inquisizione" (2012), autopubblicato presso "Ilmiolibro" e disponibile anche come ebook (informazioni nel sito www.spezzandoognicuore.it).

Cristina Zucchermaglio

Insegna presso la Facoltà di Medicina e Psicologia dell' Università di Roma La Sapienza dove è coordinatore del Dottorato in Psicologia delll'Interazione, della Comunicazione e della Socializzazione. Svolge la sua attività di ricerca presso il LInC (Laboratorio Interazione e Cultura) del Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione. I suoi interessi di ricerca riguardano le azioni e la cognizione in interazione nei contesti culturali della vita quotidiana (scuole, ospedali, organizzazioni, squadre sportive, famiglie). Tra le sue publicazioni: Vygotsji in azienda, Carocci (1996), Psicologia culturale dei Gruppi, Carocci (2002), (con F. Alby) Psicologia culturale delle organizzazioni, Carocci (2006), (con F. Alby) Gruppi e tecnologie al lavoro, Laterza (2005).



Per chi lo desidera, dalle 19:30, sarà possibile consumare un gustoso aperitivo in compagnia degli ospiti.






torna alla pagina dei caffè scienza