attività
FORMAZIONE
La scienza di tutti
Donne e scienza
La scienza bambina
Gruppi didattica
Per docenti
CREAT-IT
ALTERNANZA SCUOLA LAVORO
CaffèScienzaJunior
DESCI
COMUNICAZIONE
Caffè scienza
Eureka!2018
Eventi passati
Scienza3
Una via alle scienziate
TEATRO SCIENZA
Minuetto Astronomico
Il sogno di Keplero
Laboratori

<< precedente - successivo >>

Linguaggi non verbali

Martedì 16 aprile 2013, ore 20,30 presso la libreria asSaggi, via degli Etruschi 4


Incontro trasmesso in diretta web sul canale YouTube di formaScienza


Gli animali non umani comunicano non utilizzando parole. Esempi di comunicazione negli animali riguardano sia il mondo dei vertebrati che il mondo degli invertebrati. Lo scenario che ne risulta è quello di una evoluzione della comunicazione animale non piramidale, ma con casi straordinari anche in animali molto lontani da noi filogeneticamente.
Che anche la comunicazione umana si svolga attraverso linguaggi non verbali è luogo comune. Ma in che modo si possono condurre esperimenti per determinare la tipologia e l'influenza dei linguaggi non verbali? E quali risultati hanno prodotto? Quanta parte della comunicazione umana è determinata dal contenuto del discorso e quanta parte dipende, ad esempio, dai gesti che si adoperano?
Ne parleremo con Marino Bonaiuto, psicologo, e Augusto Vitale, etologo.


Marino Bonaiuto

Professore Ordinario di Psicologia Sociale presso l'Università "Sapienza" di Roma. E' vice-direttore del CIRPA (Centro Interuniversitario di Ricerca in Psicologia Ambientale) e membro del board at large della IAAP (International Association of Applied Psychology). Nell'ambito della psicologia della comunicazione i suoi interessi di ricerca si rivolgono alla comunicazione corporea, alla comunicazione organizzativa (interna, esterna, employer branding), alla comunicazione comunicazione politica e alla reputazione personale.


Augusto Vitale

Ha conseguito la Laurea in Scienze Biologiche presso l'Università di Parma nel 1983 con il Prof. Mainardi. Quindi, nel 1988, ha ottenuto il Ph.D. in Ecologia Comportamentale presso l'Università di Aberdeen (Scozia). Ha quindi iniziato a lavorare con i primati non umani nel 1989 con la Dr.ssa Visalberghi al C.N.R. e con la Prof. Fragaszy presso la Washington State University. Dal 1991 è ricercatore all'Istituto Superiore di Sanità, nel Dipartimento di Biologia Cellulare e Neuroscienze, dove è responsabile di una colonia di scimmie uistitì (Callithrix jacchus), di cui studia diversi aspetti del comportamento (http://www.iss.it/neco).






torna alla pagina dei caffè scienza