attività
FORMAZIONE
La scienza di tutti
Donne e scienza
La scienza bambina
Gruppi didattica
Per docenti
CREAT-IT
ALTERNANZA SCUOLA LAVORO
CaffèScienzaJunior
DESCI
COMUNICAZIONE
Caffè scienza
Eureka!2018
Eureka!2019
Eventi passati
Scienza3
Una via alle scienziate
TEATRO SCIENZA
Minuetto Astronomico
Il sogno di Keplero
Laboratori

<< precedente successivo >>

Covid-19: scenari sanitari, psicologici e sociali

Giovedì 30 aprile 2020, ore 21,00 DIRETTA WEB

con Ernesto Burgio, medico pediatra, esperto di biologia molecolare e di epigenetica, e Daniela Lucangeli, psicologa, esperta di disturbi dell'apprendimento

Conducono: Laura Maggi e Cinzia Belmonte
Regia Tecnica: Antonio Ianiero



A oltre due mesi dalla scoperta dei primi cluster epidemici e a 50 giorni dall'inizio della quarantena, la gran parte dei cittadini ha ancora difficoltà a orientarsi: cosa si conosce ad oggi della pericolosità di questo nuovo virus, della sua modalità di diffusione e delle strategie che abbiamo per contrastarlo? Possiamo aspettarci che una parte della popolazione stia sviluppando un'immunità abbastanza stabile e duratura e come lo si potrà verificare? È possibile sperare in un vaccino efficace in tempi relativamente brevi? L'attuale, prolungata situazione di isolamento, l'incertezza economica e più in generale i timori riguardanti il futuro nostro e dei nostri cari quanto incideranno sulla nostra psiche? Le nuove e del tutto inattese difficoltà relazionali tra membri della stessa famiglia, amici, conoscenti, colleghi di lavoro lasceranno una traccia? Come incideranno sul nostro modo di vivere e di orientarci nel mondo la paura e l'incertezza di fronte a scenari di crisi economica, climatica, ambientale, sociale e biologico-sanitaria incombenti che i media ci prospettano e alla confusione generata da un'informazione spesso poco chiara e a volte distorta?
Se da un lato temiamo che una riapertura, di cui non sono affatto chiare le strategie di monitoraggio e contenimento, possa portare a una crescita dell'epidemia, dall'altro lato soffriamo la mancanza dei presidi sociali (scuole, consultori, etc.. ) particolarmente gravosa nei territori emarginati e per le categorie più fragili. In che modo si stanno considerando questi fattori nella pianificazione del nostro futuro vicino e lontano, valutando le misure di contrasto nei confronti di un virus, che potrebbe minacciare a lungo la nostra esistenza e con il quale forse dovremo imparare a convivere? Quali scenari a breve e lungo termine, a livello medico-sanitario e psicologico-sociale, possiamo ipotizzare? Quanto dovremmo investire in un sistema sanitario ancora forse non in grado di garantire la sicurezza degli operatori e il contenimento del virus?
Ne parleremo in compagnia dei nostri ospiti e delle vostre domande.

Ernesto Burgio

Ernesto Burgio, Medico Pediatra laureato in Medicina e Chirurgia presso l'Università degli Studi di Pavia e specializzato in Clinica Pediatrica presso l'Università degli Studi di Firenze. È membro di importanti istituti e società scientifiche, come il Comitato Scientifico di ECERI European Cancer and Environment Research Institute (Bruxelles). Presidente del Comitato Scientifico SIMA e Membro del Gruppo COVID - SIPPS - Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale e del Gruppo di ricerca Science of Consciousness dell'Università di Padova. Ha fatto parte del Gruppo Children Environmental Health WHO.
Si occupa di epigenetica e negli anni 1997/2005 si è occupato di emergenze e allarmi pandemici per Influenza Aviaria (H5N1) e SARS 1.


Daniela Lucangeli

È Professore Ordinario in Psicologia dell'Educazione e dello Sviluppo presso l'Università di Padova dove è anche prorettrice con delega all'orientamento e tutorato per la continuità formativa Scuola-Università-Lavoro. Presidente di associazioni come l'Accademia Mondiale delle Scienze Learning Disabilities, e il CNIS (Associazione per il Coordinamento Nazionale degli Insegnanti Specializzati e la ricerca sulle situazioni di Handicap) e socio di numerose associazioni scientifiche internazionali e nazionali nell'ambito del ''Developmental Sciences''.
Le sue principali aree di ricerca sono i processi maturazionali del neurosviluppo con particolare attenzione al rapporto tra apprendimento ed emozioni.
È autrice di diverse pubblicazioni di ricerca su riviste peer-reviewed e diversi libri e membro del comitato di redazione di molte riviste specializzate internazionali.









torna alla pagina dei caffè scienza